‘Ti faccio vedere i Sorci Verdi’: storia di una minaccia della Regia Aeronautica

Ti faccio vedere i Sorci Verdi” è una espressione minacciosa, d’uso comune a Roma e nel resto d’Italia, della quale forse non tutti conoscono l’origine e il senso preciso.

Anche se come molte storie di guerra l’origine è incerta, questa espressione che intima da sempre senso di spavento e di minaccia, va attribuita alla 205ª Squadriglia da Bombardamento del 12° Stormo della Regia Aeronautica che, a bordo dei suoi trimotori Savoia Marchetti SM.79 ‘Sparviero’ – soprannominati di ‘Gobbi’ – ‘Gobbi maledetti’ dal nemico – si distinse durante la Guerra Civile Spagnola e nella Seconda Guerra Mondiale – oltre che in diverse competizioni aeronautiche degli anni ’30 come la gara Istres-Damasco-Parigi, svoltasi dell’agosto del 1937, dove gli SM.79C si aggiudicarono l’intero podio.

L’unità, inquadrata nell’Aviazione Legionaria inviata in Spagna nell’estate del 1937, adottò come distintivo di reparto ‘Tre topini ritti sulle zampe posteriori e reciprocamente ammiccanti in una frivola conversazione’ di colore ‘verde’ riprodotti per la prima volta sulla fusoliera di un SM.79 del XII gruppo dal sottotenente Aurelio Pozzi nel marzo 1937. Secondo le due tesi discordanti, l’idea del disegno sarebbe nata dopo aver sentito un sottufficiale esclamare in dialetto romanesco: ”Domani annamo su Barcellona e je famo vede li sorci verdi!”; la sortita in questione andrebbe collocata tra le varie missioni di bombardamento lanciate dall’Aviazione Legionaria di stanza a Maiorca dalla metà febbraio 1937.

Altra versione invece attribuirebbe la nascita del disegno e del motto alla schiacciante vittoria guadagnata dai Sorci Verdi durante la competizione aeronautica di Istres-Damasco-Parigi: dove i Savoia Marchetti si imposero al 1°, 2° e 3° posto.

Quello che è certo, è che il distintivo venne adottato come ‘distintivo ufficiale’ per disposizione del generale Giuseppe Valle: “Il distintivo dei Sorci Verdi [con i tre topi in posizione eretta] contrassegnante i velivoli che parteciparono alla gara aerea internazionale Istres-Damasco-Parigi venga adottato come distintivo ufficiale del 12° Stormo B.T.”. La squadriglia dei Sorci Verdi, di base a Roma-Ciampino Nord, poi dispiegati in Sicilia, durante il secondo conflitto mondiale venne impiegata in missioni di bombardamento sulla Corsica, su Rodi e nel Dodecaneso. D’ora in poi, se qualcuno vi augura di farvi vedere i Sorci Verdi.. scrutate il cielo.

di Davide Bartoccini

Questo articolo è stato scritto per la testata DifesaOnline.it
Davide Bartoccini
dav.bartoccini@gmail.com
Nessun Commento

Pubblica un Commento